venerdì, giugno 22

IL COMUNE SALVA I CANI



Il Signor Abate, ottimo impiegato del Comune addetto anche ai rapporti con il canile municipale, mi ha aggiornato circa la procedura posta in essere dall’Assessore Amata, relativamente a quel branco di 7 cani che attualmente stazionano sul territorio di Sperone, intimorendo gli abitanti e stimolando le ire funeste di un signore nerboruto che, qualche giorno fa, prometteva una strage.


Dunque ecco la tempistica : lunedì i cani verranno prelevati e portati alla Asl per essere microcippati. Poi è la volta del canile dove le femmine saranno sterilizzate e i maschi castrati. Sosteranno ospiti del canile circa un mesetto e poi verranno riportai laddove sono stati prelevati. Ma, niente paura, il Signor Abate assicura che non faranno più branco, perché il castrati non vengono più accettati dagli altri e le femmine sterilizzate non andranno più in calore. Così “depotenziati” i sette cani troveranno una loro maniera di vivere. Nella collina di Sperone potrà rimanerne qualcuno, ma i cittadini devono fare la loro parte, creando un corretto rapporto con le bestie innocue.

Conclude il Signor Abate, ignaro della consapevolezza di parlare con una giornalista dalla lingue biforcuta: “L’Assessore Amata si è molto dedicata in questi quattro anni ai problemi del randagismo, trascurando addirittura l’arredo urbano e i cimiteri…”. “Ce ne siamo accorti, caro Signor Abate….” È la risposta carica di volontaria ironia.


2 commenti:

Recent

recentposts

Lettori fissi

Random

randomposts

Blog Archive