sabato, agosto 24

UN CONSIGLIO GRATUITO A SILVIO BERLUSCONI

     

Caro Berlusconi, sono una Sua fervente detrattrice. Nonostante questo, per ben due volte, nel corso della Sua lunga stagione politica, sono stata assalita da un senso di umana pietas nei Suoi confronti. In primis quando fu colpito in piena faccia dalla appuntita statuetta raffigurante il Duomo di Milano. Tutte quelle guglie che lacerarono la Sua pelle mi provocarono una fortissima impressione tanto che ritagliai dai giornali una delle tante foto, la incorniciai e la sistemai nel mio personale “muro del pianto”, una parete cioè del mio studio dove conservo, attraverso le immagini pubblicate quotidianamente dalla stampa, “il dolore del mondo”.
Analoga sensazione di tenera condolenza provo oggi, proprio mentre Lei, dopo essersi dibattuto convulsamente nelle gabbie della sentenza di condanna, riunisce ad Arcore in un conclusivo summit, i suoi epigoni e si appresta ad accettare di dedicarsi per un anno ai servizi sociali.
Ed ecco finalmente il consiglio, gratuito come tutti i consigli: Lei, tra i Suoi molteplici possedimenti, annovera una villa a Lampedusa, bella ampia confortevole, col solo limite di essere allocata vicino all’aeroporto. Vabbè, la insonorizzi. E, chieda al magistrato di andare a trascorrere questo periodo di “restrizione” nella più dolente e drammatica isola siciliana: Si dedichi ai profughi che giornalmente arrivano sfiniti, fuggendo da guerre miserie e torture. Utilizzi la Sua capacità di affabulazione, la Sua innata simpatia, la Sua ben nota generosità per confortare queste persone sventurate, regali loro un sorriso (che, dopo il trauma della statuetta, è ritornato a essere perfetto), dia loro qualche sostegno concreto. Vedrà, ci vorrà poco per sentirsi meglio, pacificato e a proprio agio. Farà un ‘opera edificante per sé, per la Sua famiglia, per questo Paese che da troppi anni viene coinvolto (e annoiato) dalle Sue vicende giudiziarie. E, a proposito, vedrà che la stessa magistratura, a ben ragione inflessibile con una persona che, approfittando del proprio potere, nel passato ha inteso sconciarne l’immagine, per gli altri procedimenti si mostrerà più clemente  e sarà più propensa a sciogliere nodi che attualmente appaiono gordiani.

P.S. Se Lei apprezzerà il mio consiglio, dia il più assoluto divieto alle Sue Amazzoni, la cui comune cifra stilistica è rappresentata da una boccuccia adusa a donare piaceri proibiti, di intervenire ai talk show televisivi e di propalare le arcinote stronzate. Tutto ciò servirà a disinquinare la mente e lo spirito del popolo italiano

                                                             

                                  

Nessun commento:

Posta un commento

Recent

recentposts

Lettori fissi

Random

randomposts

Blog Archive