giovedì, febbraio 20

ACCORINTI CROCETTA RENZI NARCISI A PELLE MISTA

I cittadini messinesi si trovano, in questo preciso momento storico, a vivere una situazione paradossale. Sono governati ai tre livelli istituzionali (Comune Regione Stato) da tre inveterati narcisi: Accorinti, Crocetta e Renzi. Se vogliamo essere realistici, i messinesi vivono una situazione disperante. Secondo alcuni esperti i narcisi si distinguono in due gruppi: quelli a pelle spessa e quelli a pelle sottile.
Renzi porta la bandiera della prima schiera: è arrogante, sprezzante, invadente, vanitoso, egocentrico, ha un gran bisogno di protagonismo, tende a costruire scudi tra sé e gli altri, è competitivo e tende a ottenere immediati riconoscimenti e gratificazioni strabilianti. Il suo complesso senso di superiorità è inequivocabile, esprime sentimento profondo di rabbia quando sente di essere perdente, ha un marcato Supe-Io che, al contempo, è abbastanza debole. Ecco perché ieri, durante l’incontro in streaming con Grillo (sul quale non esprimiamo alcun giudizio per tema di cadere nel pornologico), è apparso sempre più terreo, incapace di reagire con le armi della dialettica rifugiandosi in una retorica patetica (“pensa al dolore della gente che soffre”). Nel successivo incontro con la stampa ha cercato pertanto di svalutare Grillo sentendosi tuttavia preda di un forte (ma momentaneo) complesso di inferiorità.
Crocetta presenta lo stesso profilo di Renzi: narciso a pelle spessa. Ma, mentre Renzi sfoggia una pelle spessa ma tonica, Crocetta esibisce flaccidume, struttura cascante, mollicia. Quando non può apparire sui media per annunci mirabolanti o denunce di mafiosità, s’inventa una outing al contrario: dice di arraparsi anche con qualche donna, con predilezioni per le francesi. Chissà che Julie, avendo accettato di accostarsi  a un racchio come Holland, non riesca a superare se stessa trovando fico Crocetta. Certo, scendendo molti troppi gradini della scala politica.
Accorinti lo definirei un narciso a pelle mista: spessa quando legge il sondaggio dell’Istituto Piepoli ( falso come tutti i sondaggi). Sottile quando diventa soggetto di critiche feroci. E’ in quel momento che si manifesta il suo complesso di inferiorità, considera gli altri perfetti e se stesso inadeguato (e qui dobbiamo dargli ragione), avverte impotenza e sconforto, vergogna e umiliazione. Insomma mentre in Renzi e Crocetta prevalgono grandiosità ed esibizionismo, in Accorinti si nota una sorta di iper-sensibilità.

Ed è su questo aspetto che voglio spendere una riflessione intellettualmente onesta. (leggere posto successivo) 

Nessun commento:

Posta un commento

Recent

recentposts

Lettori fissi

Random

randomposts

Blog Archive