martedì, giugno 24

IL POS? E' OBBLIGATORIO MA SE NON CE LO HAI, TRANQUILLO; NON SARAI SANZIONATO.

Il piano del governo per la lotta all’”evasione 2.0” è già pronto: il decreto di attuazione della delega fiscale, approvata dal Parlamento appena tre mesi fa, è sulla dirittura d’arrivo e il 30 giugno sarà presentato un documento di indirizzo con le linee guida dell’intera operazione. 

Gli interventi anti-evasione sono molteplici: si va dallo scontrino telematico alla fatturazione elettronica, dall’introduzione della carta di pagamento per saldare il conto del medico o dell’avvocato, all’obbligatorietà dell’uso del Pos, cioè quel dispositivo elettronico che permette al cliente di pagare con bancomat, carta di credito o prepagata. 

Ed è su quest’ultimo punto che vorrei fare un’osservazione: è vero che dal 30 giugno commercianti, artigiani, liberi professionisti, chiunque offra beni e servizi, è obbligato a fornirsi del Pos, però se non assolve all’obbligo non succede nulla. Il decreto non prevede sanzioni. Insomma fatta la legge, per rispettarla, non bisogna nemmeno trovare l’inganno. Sicchè quel professorone che per farmi una visita specialistica ha voluto perentoriamente essere pagato con moneta sonante, rifiutando carte, bancomat e assegno, può dormire sonni tranquilli. Evadendo potrà costruirsi non una ma due ville al mare.

Adele Fortino


Nessun commento:

Posta un commento

Recent

recentposts

Lettori fissi

Random

randomposts

Blog Archive