lunedì, giugno 15

LA SOFFERTA FELICITA' DEL TRASLOCO

Gli esperti sostengono che il trasloco costituisce un evento stressante, secondo soltanto all’incendio della propria abitazione. Io, alla luce dei tragici fatti di questi anni, direi che il trasloco, è quarto evento periglioso dopo l’attraversamento del Mediterraneo, l’inondazione da bombe d’acqua, e, solo dopo, l’incendio.
Ho iniziato il mio trasloco praticamente dalla fine di febbraio. Non vi sto a enumerare tutte le difficoltà incontrate in questi mesi. Una congiuntura astrale sfavorevole ha reso questo accadimento di durata biblica. Il dato negativo sta nel fatto che mi sono sconcentrata dal mio lavoro, quello positivo invece attiene all’ordine cosmico che ho potuto realizzare tra gli oggetti e suppellettili accumulate in decenni di vita.

Io devo confessare che i traslochi mi piacciono, mi piacciono tanto: sono elementi di dinamismo, di flessibilità, di alleggerimento, di stimolo della creatività. Certo, si deve entrare con i piedi nel piatto, per dirla con una tremenda locuzione in voga qualche decennio fa, cioè bisogna essere disposti a fare un lungo viaggio nella propria esistenza pregressa, incontrare memorie, ricordi, vecchie foto, oggetti dimenticati. Un viaggio doloroso negli interna corporis della tua vita con tutto quello che di sconvolgente questo comporta. Ma, dopo la sofferenza, si incontra la leggerezza. Il nostro complesso mondo psicologico risulta, se così si può dire, semplificato in direzione di un equilibrio più fluido. Se poi da una casa più grande passi a una più piccola, finita la selezione degli oggetti, delle suppellettili, dei mobili tu arrivi a un punto di impensabile felicità. E se ancora, la casa da te scelta sembra scolpita nella luce, galleggiante su una terrazza piena di piante fiorite, allora il grado di gratificazione può raggiungere livelli altissimi. Hai riordinato la tua vita, l’hai catalogata, l’hai alleggerita, l’hai imbellita, non ti resta che, stanca ma serena, provi a voltare pagina. Consapevole che i macigni che hai dentro continueranno a essere presenti ma potrai provare a trascinarli con rinnovata energia. Adele Fortino

1 commento:

Recent

recentposts

Lettori fissi

Random

randomposts

Blog Archive