lunedì, maggio 23

FEDERICO E COSTANZA D'ALTAVILLA VISTI DA ANTONELLO BONANNO CONTI

Antonello Bonanno Conti ha scoperto Federico Secondo, il sovrano medievale del Regno  di Sicilia, lo stupor mundi, l’Anticristo per alcuni, per altri il Messia, venuto a riportare l’ordine di Dio sulla Terra. Antonello è un pittore (ma anche scultore e grafico) di radici isolane, pertanto fortemente attratto dal mitico imperatore illuminato, colto, creativo che pose al centro della sua politica il Regno di Sicilia, la cui corte, a Palermo, fu luogo di incontro della cultura cristiana, ebraica e greca.




Dalle opere che Bonanno Conti dedica a questa figura strabiliante del nostro passato emergono continui rimandi alla atmosfera rarefatta e dorata del Palazzo di Normanni, nella capitale panormita. In principio c’è una grande tela dove spicca una figura di donna con un bambino in braccio, tema ricorrente in questa mostra, la donna è la madre di Federico secondo, quella Costanza d’Altavilla che, per dimostrare la veridicità del suo parto, posto in discussione dalla sua età avanzata, decise di metter al mondo il piccolo, all’aperto, appena velata da una tenda. Torna ripetutamente il tema della madre, tenera grande madre, talvolta dolente, talvolta imperiosa, ma sempre dedita al benessere della propria creatura. Federico sembra ottenere minore attenzione dall’autore, teso a rappresentare tutta la pletora di dignitari di corte, sudditi, cittadini, alte cariche del Regno, che sfilano ieratiche, a testa alta, in una serie di rappresentazioni colorate spesso con le tonalità degli stemmi altre volte spennellati di aurei barbagli.



 Antonello con sforzo spiega il senso della proprie opere, lui vuole soprattutto emozionare, senza attribuirsi troppo peso..  conversare di arte con lui appare impresa sempre lieve, giocata quasi sui toni di fiaba, leggiadria pura. Ma anche incisività di tratto, espressioni dell’umana sofferenza (si ricordi la deposizione di Gesù in una non lontana Via Crucis), ineliminabile dolore esistenziale. Adele Fortino

Nessun commento:

Posta un commento

Recent

recentposts

Lettori fissi

Random

randomposts

Blog Archive